Per ringiovanire la pelle e migliorare le rughe superficiali, la pelle grassa e le macchie, il peeling chimico è il trattamento dermoestetico più efficace.

peeling chimicoChe cos’è il peeling chimico?

Esistono diversi tipi di peeling chimico con diverse indicazioni e diverse profondità d’azione.
Il trattamento di peeling chimico consiste nell’applicazione di una o più sostanze acide (acidi glicolico, salicilico, tricloroacetico, piruvico, mandelico, soluzione di jessner…) sulla pelle che ne provocano l’esfoliazione, con alcuni tipi di peeling pressocchè impercettibili, con altri più evidenti; viene quindi eliminato lo strato più superficiale della pelle favorendone un ricambio con cellule più ‘giovani’.

Come funziona il peeling chimico?

Generalmente si effettuano cicli di peeling chimico con cadenza variabile in base al tipo (settimanale, quindicinale o mensile).
In campo dermatologico, il peeling chimico si usa per la terapia di alcune patologie come acne e rosacea; in campo dermoestetico le indicazioni sono svariate: rughe superficiali, macchie solari e senili, pelle grassa (seborrea), ecc.
Nei giorni successivi al trattamento di peeling chimico, sarà importante l’applicazione di una crema idratante e lenitiva al fine di ridurre la percezione di irritazione e desquamazione e la protezione solare in quanto è opportuno proteggere la cute trattata dall’esposizione ai raggi solari (vietate le lampade UV).

Il trattamento di peeling chimico non si può effettuare durante il periodo estivo.